Al mare (o quasi) – E. Montale

il

150700_529541157098316_1807480095_n

L’ultima cicala stride
sulla scorza gialla dell’eucalipto
i bambini raccolgono pinòli
indispensabili per la galantina
un cane alano urla dall’inferriata
di una villa ormai disabitata
le ville furono costruite dai padri
ma i figli non le hanno volute
ci sarebbe spazio per centomila terremotati
di qui non si vede nemmeno la proda
se può chiamarsi cosí quell’ottanta per cento
ceduta in uso ai bagnini
e sarebbe eccessivo pretendervi
una pace alcionica
il mare è d’altronde infestato
mentre i rifiuti in totale
formano ondulate collinette plastiche
esaurite le siepi hanno avuto lo sfratto
i deliziosi figli della ruggine
gli scriccioli o reatini come spesso
li citano i poeti. E c’è anche qualche boccio
di magnolia l’etichetta di un pediatra
ma qui i bambini volano in bicicletta
e non hanno bisogno delle sue cure
Chi vuole respirare a grandi zaffate
la musa del nostro tempo la precarietà
può passare di qui senza affrettarsi
è il colpo secco quello che fa orrore
non già l’evanescenza il dolce afflato del nulla
Hic manebimus se vi piace non proprio
ottimamente ma il meglio sarebbe troppo simile
alla morte ( e questa piace solo ai giovani)

E. Montale
***
Qui mi ha portato, inconsapevolmente, google interrogato sulla magnolia (giapponese, per la precisione).
A proposito.
Quella fotografata, bellissima a dispetto della foto sbìrula, è in un angolo di Largo Cairoli, Milano. Ce ne sono un paio anche dietro il Duomo, verso Corso Vittorio Emanuele. Lo scrivo perché sono alberi fuori contesto che forse non si notano e in questi giorni sono dispensatori gratuiti di bellezza.
Annunci

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Rosanna ha detto:

    ma com’è che da tre giorni, ovunque mi giri, mi ritrovo Montale?
    siete tutti fissati. :-))
    cmq ho trovato una sua frase che mi ha colpito l’altro giorno:
    “Eppure resta che qualcosa è accaduto, forse un niente che è tutto”.

    Buon week! 🙂

    1. stimadidanno ha detto:

      forse che siam tutti un po’ incerti e vorremmo trovar parole… ma M. è più bravo di noi e allora perché sforzarsi? ;D

  2. Rosanna ha detto:

    personalmente per non farmi dire che sono una stupida che vive di libri e di frasi fatte. Ma chi me lo dici per lo più non capisce quel lato di me che è certo che la vita è più sorprendente e “incantevole” di qualsiasi libro. 🙂
    Ps: ormai sono fissata col termine incantevole, non è mio ma scriverlo mi incanta assaie! :-))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...