Lasciar andare

L’avevo scritto qui, tra le righe: avrei lasciato depositare l’immagine di un uomo che muore su una spiaggia. Nel frattempo è già un accumularsi di inizi e stimoli e percorsi ritrovati. Misuro un’energia inconsueta e da domare ed è tutto un sottolineare, annotare e rimandare e mettere in piedi partenze e assistere con occhi sorridenti a nuvole rosa che smuovono il cielo.

In tutto questo, non si dovrebbero leggere libri in cui si parla delle parole e delle ombre e delle luci in modo preciso, esatto e colto, perché la testa si riempie di inibizioni e la vergogna a metter giù due righe prende la forma di un signore veneziano molto serio che zitto mi guarda e scuote la testa. Ma che fai? mi dice. Prima studia, leggi(mi), medita, soppesa, apri gli occhi, guarda fuori e dentro, ritrovati, fai i conti con chi ha usato parole prima di te. Ma no! sei inutilmente generica, semplifichi, cos’è tutta questa concretezza senza profondità, tutto questo peso senza valore, questa ironia inconsistente. La leggerezza preziosa è altro – insiste, impietoso. Sei sicura? – chiede infine. Lui, che è per l’esattezza, mi lascia lì impalata con una domanda aperta a tutte le interpretazioni.

Oh senta, signore, è un semplice post sulle vacanze – provo a difendermi. Con lei e tutti quelli bravi come lei farò i conti più tardi, questo lo prenda come l’ingenuo e dovuto omaggio ad un uomo non illustre  un po’ sfigato, a cui invece di Pontiggia è toccata la sottoscritta che passava di là per caso.

Ed ecco.

F., chiunque sia stato

Annunci

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. stimadidanno ha detto:

    No Q., non si torna mai indietro. E in più, ogni evoluzione è miglioramento.

  2. Q. ha detto:

    Hai ragione, cara. Non son più quello di una volta – ahimè.
    Mi divertirebbe molto leggere “il racconto di Q. com’era una volta” scritto da te, veramente. Spero tanto che tu trovi il tempo e la voglia per farlo. 😉
    Intanto prometto: tornerò quello di una volta, e ancora di più.

    Un saluto!

  3. stimadidanno ha detto:

    non sei più quello di una volta, Q. (e adesso mi balena in mente di scrivere il racconto di Q. com’era una volta, ma mi cheto)

  4. Q. ha detto:

    Come già detto, ti stimo e pure molto. Molto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...