Il mondo sta dentro queste cose

immagine da qui

***

Come una vecchia cascina riattata

così mi riconosco – piena di falsi piani

e storie bislacche. Io, una casa della bassa,

qualsiasi – in nulla appariscente.

Se non spurgo umido

come fan per bene i muri crudi,

anche in me risalgono

salnitro e muffe.

Se non rimango mobile,

impassibile ai tarli ma cedevole

alla terra di fondazione,

mi aprirò dal profondo.

Quando fui solo un pensiero

c’eran di mezzo lenzuola al vento,

si delimitavano così muri storti e famiglie.

Il mondo sta dentro queste cose,

il resto è il tempo che si perde.

Fosca Massucco (qui una delle sue forme virtuali)

***

Ci ho messo un po’ ad afferrare parole di Fosca, che conosco, per farle diventare anche mie. Eccole, le ho trovate e me le appunto qui, preziose. Curiosamente le ho riconosciute in un posto che più o meno chiamo casa. Strano e bello, sensato anche. Altre parole ritrovate: emminchia, cimitero, bavarese, peppa pig. Non c’è gerarchia in questa manciata di segni e significati, è tutto vivo e un po’ autunnale.

Coerentemente, nell’altro posto che chiamo casa ho buttato in forno mele e cannella. Fuori piove che diolamanda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...