Esattezza

Le foglie del ginkgo cadevano come una pioggia minuta dai rami e punteggiavano di giallo il prato. Io passeggiavo sul sentiero di pietre lisce. Avrei voluto separare la sensazione di ogni singola foglia di ginkgo dalla sensazione di tutte le altre. Le premesse da cui partivo erano le seguenti. Se dall’albero di ginkgo cade una sola fogliolina gialla e si posa sul prato, la sensazione che si prova guardandola è quella d’una singola fogliolina gialla. Se due foglioline scendono dall’albero, l’occhio segue il volteggiare delle due foglioline nell’aria che s’avvicinano e s’allontanano come due farfalle che si rincorrono, per planare infne una qua una là sull’erba. Così con tre, con quattro e anche con cinque; crescendo ancora il numero delle foglie volteggianti nell’aria le sensazioni corrispondenti a ognuna d’esse si sommano dando luogo a una sensazione complessiva quale quella d’una pioggia silenziosa.

da Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino

1377565_617801624938935_120930884_n

1382101_615651711820593_2087990888_n

1380042_614914121894352_1352629551_n

1378218_617829214936176_513513731_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...