«Tommasì te piace ‘o presebbio?» «Nun me piace»

il

Il George Clooney della Gallura, che fa incidentalmente il portinaio a Baggio, passa ormai le giornate a creare porzioni di sfondo per il presepe. Sagoma il polistirolo, crucciandosi per l’effetto “muro rovinato” che non viene come vuole lui, e presidia il condominio armato di pistola a caldo. Si finge modesto, Georgeddu. Ma se passando gli si fa un complimento, gongola. Tutto imploso, mai esagerare, ma si vede che è felice. Gongoleranno oggi i bambini della III F e III G di una scuola primaria di Andria, quando vedranno i loro haiku pubblicati sul web. Sarà una sorta di gita scolastica virtuale per loro, come uscire dalla classe pur stando seduti composti al banco: è un mescolarsi con le attività dei grandi, un passeggiare in quella rete che tutti dipingono come pericolosa. A proteggerli c’è l’intelligenza di una maestra che non si ferma ai doveri minimi. Che crescano esigenti, questi bambini, e liberi. Che siano sempre nelle condizioni di poter dire “no”, se lo ritengono opportuno.

Scalo montagne
trovo un diamante,
è scintillante!

Emma, 4 anni meno una sillaba (e non c’è verso di fargliela aggiungere, non si ritocca il lavoro di un’artista!)

1

Fiori di carta.
Le parole nascoste
lasciate qui, lì.

Silvia, che qualche no l’ha detto forte e chiaro e ogni giorno, appena ha un minuto, misura la libertà

Info:

Gli haiku in classe: l’esperienza della classe 3^ della scuola primaria Imbriani di Andria

Bambini cattivi scartati ai casting

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...