Righe dritte e maremoti

 

E ora capisco che è tutto falso, che suona vuoto, che non regge,  e crolla miseramente. Parole.
In verità, leggo per pigrizia. Leggere rappresenta il minimo sforzo. Durante la lettura, il corpo, immobile, rilassato, steso sul letto, si dissolve, si fa dimenticare.
Leggo per pigrizia di vivere. Ci vuole così poca energia per leggere, e tanta per vivere. Leggo voltando la schiena, per sfuggire gli sguardi e scomparire tra le righe.
La vita nei libri non è reale. Le righe, i paragrafi, i capitoli danno vita a un mondo ordinato, logico, prevedibile. C’è sempre un inizio e una fine, e fra le due, una linea retta: leggere è tagliare secondo la linea tratteggiata.
La vita vera se ne frega, va in tutte le direzioni, a zig zag, a ogni istante bisogna stare all’erta, nessuno ti avverte quando si volta pagina.

Bernard Friot, Un altro me

 

1

Annunci

One Comment Add yours

  1. Pingback: O leggi o vivi |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...