Tagliare. Legare di nuovo, cercando un nuovo senso. Ri-legare. E poi ri-leggere.

Sono una tipofila teorica, di solito. Guardo, vorrei, non faccio per vari motivi. Oggi mi sono regalata due ore abbondanti di workshop di legatoria “con mezzi di fortuna”, come dicono gli organizzatori.
Abbiamo sperimentato la rilegatura giapponese (in tre varianti)

10850267_832642236788205_6559732339684860890_n
e la rilegatura copta

1255184_832649670120795_5822587287305204242_n

E ora a casa, senza punteruolo, ho assemblato un piccolissimo progetto. Era urgente. Ce l’avevo lì, da giorni, mentre smantellavo un archivio. Carte, pratiche, danni, fotografie di roba rotta, moduli autoricalcanti, patina vintage, persone che non ci sono più, persone che si sono dimenticate dei propri meschini guai. E poi l’allegro caos dei pastelli a cera di mia figlia, munariana senza saperlo. E una pagina di narrativa, una qualsiasi.

Perché la carta racconta storie anche solo con la consistenza e l’odore, le pagine hanno un prima e un poi, come un racconto, e una voce e un rumore. Smonto, rileggo il passato, rimonto, regalo un senso nuovo in quel filo rosso scuro che tiene insieme con rigorosa semplicità. Quel senso che conosco solo io e che è sempre più un capitolo chiuso.

20141206_215415 20141206_215658 20141206_215722 20141206_215805 20141206_215830 20141206_215855 20141206_215914 20141206_223338

Un esercizio urgente, ecco, con i buchetti praticati con un coltellino da cucina e non con il punteruolo. Migliorerò, o forse non rilegherò mai più, chi lo sa? Ma intanto l’ho fatto, e solo io so quanto ho bisogno di fare. E terminare progetti, anche minimi.

Quanto alla carta che racconta anche senza racconto, se l’argomento vi interessa suggerisco la lettura di questa intervista che spiega il progetto Edizioni Precarie.

nota: ovviamente non ho parlato di quando al workshop mi si è sfilato l’ago, mi si è annodato il filo, ho sbagliato cucitura, eccetera. eccetera.

Annunci

One Comment Add yours

  1. Sybille ha detto:

    Oh wow, che bella cosa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...