Se non si può buttare…

… affondo il punteruolo come se la carta fosse una bambolina voodoo, andando a occhio e a tatto. Ne escono quaderni in copia unica che alternano fogli bianchi, pagine con una storia, cellulosa d’epoca e sensazioni tattili riposte nei cassetti in attesa di. In attesa proprio di quel quadernino lì.
Alcune volte, se la carta porta memoria, è un ricucire un po’ doloroso ma necessario. Una vera riscrittura per cui mi occorrono più tempo e più sospiri.
Altre invece è proprio pura gioia per gli occhi, come con queste immagini di illustratori messicani e giapponesi portati a casa dalla Bologna Children’s Book Fair.
Oppure piacere tattile con le carte rugose e profumate di alcuni espositori del Fuori Salone.
Quali carte mi riserverà l’Expo?

info: Al confine, sigerol(at)tin.it
5 3

1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...