Dal punto di vista del lago, dal punto di vista del monte. La parola più importante al Rifugio San Pietro.

Il lago

Lo vedo dal pullman, è il solito, è il lago delle gite, delle Grotte di Catullo, degli eritemi solari quando avevo otto anni. È lui, lo riconosco, è il lago dal punto di vista del lago, quello che vira colore non appena le nuvole si sovrappongono più del dovuto.

13680736_1149869705065455_4082025899661969595_n (1)

E invece no. Si sale senza accorgersene, dolcemente. Non è ormai solo faccenda di acqua e nuvole, incombe sempre di più la roccia seppure ingentilita dal verde. Abbandono le certezze e faccio vuoto. Me lo dice anche un cartello ad Assenza, che mi pare un buon posto dove abitare.

13692453_1149910558394703_4160822911835153253_n

I paesi in fila sulla costa raccontano di ordine e turismo, di surf e lentiggini, di parcheggi a tempo. Non so se me la contano giusta. In ogni caso, arrivata a Riva del Garda, la cartolina è d’obbligo.

13718634_1150117818373977_5512978323944610517_n (1)

Il bosco

Qui l’orologio lo guarderemo poco. Dal macro al micro, si sale. Si cambia punto di vista, aggiungendo il filtro del bosco. Cambia la luce, cambia tutto, si osserva la terra per non inciampare. L’attenzione è ai dettagli.

13700126_1150117978373961_9106741491617389595_n13681061_1150118071707285_2069985050261662517_n13700198_1150642581654834_1444178140240621536_n13686519_1150642568321502_864441860590563554_n13680823_1150642608321498_5932375101518390566_n

Il lago, di nuovo

Sempre lui, ma tutto nuovo: il lago dal punto di vista del monte. Grande, ma sotto il controllo del cielo.

13726617_1150118281707264_7022665319785000408_n13700000_1150118315040594_5679514826840908499_n13645284_1150173875035038_5026419862636538612_n

Il bosco, di nuovo

Camminiamo sul sentiero nel bosco alla luce della luna e di piccole torce. L’udito, povero senso dimenticato, prende la sua piccola rivincita. Cosa sarà stato quello scronch legnoso laggiù? Un cerbiatto, una volpe, un orso o una creatura evanescente quanto la nostra immaginazione? Ecco, una lucciola! E il cielo stellato non è poi così scuro, gli alberi sono sagome nere nel blu profondo, il buio e la paura concetti molto relativi.
Brevi folate di vento trasformano il fruscio degli alberi in un rumore liquido di cascata. Anche la resina sembra gettarsi sulle cortecce come schiuma brillante, mentre i contorni delle foglie illuminati dalle torce ci fanno intuire le impronte che proveremo a stampare domani.

13726569_1150174021701690_4047705149877491044_n13654170_1150174181701674_2589201578953518517_n13680919_1150174248368334_1766604545954510331_n13718569_1150174298368329_7328905039410342854_n13669812_1150174378368321_7105759534296640740_n13718497_1150174491701643_8983586319778412553_n

Il rifugio

Qualcosa sta cambiando. Lentamente, ad onde benefiche che si espandono, si sta diffondendo finalmente il piacere di stare all’aperto, respirare, guardare, acuire l’attenzione. Che novità, eh?, diranno i sarcastici. In effetti i rifugi ci sono da sempre, così come gli appassionati di montagna e gli amanti della natura.
Eppure a volte le abitudini tanto belle e ovvie si perdono e abbiamo bisogno che qualcuno ci riaccompagni, ci guidi a farci bastare un prato, un cielo, un monte, un lago. Ecco il perché del fiorire di iniziative legate alle camminate, agli alberi e ai boschi, soprattutto rivolte ai bambini e alle famiglie. Una moda? Forse, ma di quelle che lasceranno il segno, si spera.
Il rifugio San Pietro è autentico e accogliente. È significativo fermarsi e vivere l’ambiente con tempi lenti e il meteo a favore, mangiare (bene!), conoscere la storia del poeta dialettale Giacono Floriani e condividere in baita gli spazi e gli attacchi di risate irrefrenabili.

13726778_1150197561699336_8977819679701802916_n
Coccole a colazione

Il sabato mattina ci sveglia con un blu di perfezione irreale e con biscotti della fortuna un po’ speciali. C’è anche Marta con noi!

13681017_1150420831677009_6848888154346463071_n (1).jpg

13700148_1150642668321492_4615855552638501404_n

13699938_1150642698321489_7380339345791673444_n

La parola più importante, all’aria aperta

Il laboratorio La parola più importante ha un format tanto aperto da essere, ogni volta, un’esperienza travolgente e nuova soprattutto per me. Il mio unico obiettivo è mettere i partecipanti in una condizione di connessione con se stessi ed eventualmente con l’ambiente che ci sta ospitando. Da lì, se si vuole, può partire un percorso espressivo senza giudizio, fatto di segni e di parole, di impronte reali o realtà immaginate. Si possono anche comporre haiku, ma solo per il gusto di farlo. A cosa serve la poesia? A nulla, ricordiamocelo. Al di là degli aspetti più formali della cultura giapponese, credo sia questa la grande lezione di Basho, Buson, Issa, Shiki: saper essere, con profonda consapevolezza, e saperlo esprimere con un gesto, un segno che è anche parola. Noi ci proviamo, è un punto di arrivo, ma soprattutto abbiamo capito che questo è un sentiero percorribile.

13726817_1150644224988003_4429522071669993946_n

Nel prato vicino alla baita, profumatissimo di timo selvatico, siamo tanti. Bambini e adulti, farfalle e cani. C’è chi solamente dipinge e incolla, c’è chi colleziona impronte, c’è chi scrive haiku con me, c’è chi si apparta e contempla e scrive da solo, c’è chi si commuove, c’è chi conta e conterà per tutto il pomeriggio…

13769413_1150643704988055_9079713946092296243_n13769401_1150644094988016_4059816935503866384_n13731669_1150643584988067_5523274146396623836_n13728958_1150642994988126_7445184828600022900_n13718735_1150645321654560_4349388170695757160_n13716200_1150645051654587_7890445286453317376_n13709910_1150644141654678_2979827720998738364_n13700047_1150645068321252_4314369381907102946_n13697245_1150644161654676_7431039831372780566_n13697226_1150642964988129_8967414666819218586_n13697123_1150643881654704_5068392060232284013_n13697005_1150643504988075_5677251877333272039_n13690703_1150645458321213_2471554584544370338_n13690633_1150643301654762_8449417143950491393_n13686641_1150645304987895_8879639821168895532_n13669809_1150643034988122_8369073566733547776_n13669026_1150643148321444_7201126370505023199_n13659192_1150643448321414_5212385727658849277_n

Scambio di doni

Il bosco ci dona tanto, è bello ricambiare appendendo i nostri haiku agli alberi.

Il bosco dona
e noi lasciamo tracce
e siamo grati

13770447_1150643908321368_9035495837273165169_n13769375_1150643378321421_317551128849764873_n13707765_1150645174987908_2064375978870082212_n13690744_1150643631654729_973876094000792073_n13686641_1150645304987895_8879639821168895532_n13681098_1150645371654555_6971997507406723776_n

Gli incontri

Come posso definire le mie attività e il mio percorso professionale, ehm, diramante? Chi posso definire “collega”, oggi? Non so rispondere, ma capisco che nei rapporti intrecciati in questi giorni passano visioni, stili di vita, esperienze diversissime e sintonie pedagogiche, mentre i segni e le parole si confondono e si armonizzano.
Ringrazio di tutto cuore Serena Olivieri e Vania Omezzolli che mi hanno coinvolto nelle attività di “Naturalmente nel bosco” e mi hanno dato l’occasione di incontrare Sara VincettiBarbara Arduini e tutti i bambiniadulticanifarfalle partecipanti a questa esperienza di cui farò tesoro.

13770310_1624513764505646_5366484974967467364_n.jpg

Annunci

5 Comments Add yours

  1. Serena ha detto:

    Cara e dolce Silvia!
    Lo rifaremo vero?
    Esperienza bellissima, con tempi lenti del pensare e del sentire, a tutti sensi!!
    Grazie grazie grazie
    Da domani saremo nel bosco per tutta la settimana e, pensandoti, andremo a rileggere gli Haiku donati al bosco 🙂

    un abbraccio

    Serena,
    che porta Silvia nel bosco,
    di notte

    1. stimadidanno ha detto:

      certo che lo rifaremo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...