Leggere poesie, giocare agli haiku. Piacenza, Università Cattolica, 7 e 14 novembre.

Tempo. Abbiamo capito che alle parole serve tempo affinché siano utili, sensate, personali. L’Università Cattolica di Piacenza mi concede ben sei ore, suddivise in due pomeriggi, per leggere poesie, portare esempi e introdurre il gioco degli haiku in modalità diverse.
Tempo. Nel programma ho infilato anche un percorso storico della poesia italiana dedicata ai bambini. Nulla di critico o troppo dettagliato, saranno le letture a dirci come è cambiato lo sguardo del poeta e dell’editoria per ragazzi negli anni.
Tempo. Lo sottolineo sempre. Il mio approccio non è filologicamente legato alla cultura giapponese. L’haiku per gioco è una porta, una delle tante, per introdurre una poesia nuova, contemporanea, più vicina al sentire dei bambini rispetto a quella che solitamente viene proposta a scuola. Una poesia che è parte viva dell’editoria per l’infanzia migliore, spesso così lontana dalle aule per mille motivi.
Tempo. Tre ore per ogni incontro sono tante, saprò gestire il mio tempo? Per fortuna ho inserito anche un tempo del gioco, chi passerà da Piacenza per favore porti uno spirito leggero, non si lasci intimorire. Si può (si deve!) fare formazione anche giocando.

PS. La precedente occasione d’incontro tra haiku e Università Cattolica germinò così.

12

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...