Vita pulsante a scuola. L’avvio del progetto.

In queste giornate di pioggia mi godo incredula ciò che sta capitando e che traccia un solco importante nella mia ricerca e nel mio lavoro.
Si è avviato il progetto di lungo respiro Vita pulsante a scuola, che vedrà coinvolte alcune classi quinte di un istituto milanese. Una scuola pubblica, evviva!
Tre incontri per esplorare con il linguaggio, i segni e la capacità progettuale condivisa quanta energia può essere contenuta in un’aula scolastica, ma anche in un cortile e in ognuno di noi.
Per i ragazzi la scuola è il mondo, un insieme di limiti e regole ma anche un magma multiforme di realtà da divorare e relazioni da intrecciare. Non vivo su Marte e i giorni di sfiducia capitano anche a me. Poi però entro in classe con i miei albi, i librini gialli dei classici giapponesi e l’espressione curiosa rubata a Marta.

Cito a memoria Santoka:

Cuscino di pietra
accompagno
nuvole

e trovo dei ragazzini con il grembiule giallosole che non solo non si straniscono, ma comprendono immediatamente quel senso di profonda leggerezza che ci arriva da molto lontano.

15192671_1264642133588211_2816430267839885150_n

Piccoli saggi, colgono anche tutta la transitorietà che questa connessione con la natura comporta. Possono farlo perché l’osservazione del mondo è parte integrante della didattica che incontrano ogni giorno: riconoscere e nominare un albero li inorgoglisce, rastrellare, seminare e raccogliere sono momenti attesi che resteranno nella loro memoria.

Usano abitualmente il microscopio, è la scienza ad avvicinarli agli haiku.

È di rugiada
è un mondo di rugiada
eppure eppure

Quanto mondo c’è in quell’eppure, Issa, e loro lo sanno bene.

15170768_1264642330254858_3647256502073746188_n

Durante il primo step la prima classe che ho incontrato ha composto tanti haiku, lavorando in gruppo e individualmente. Conto di riportare una parte dell’abbondante produzione sul blog dedicato Haiku seduti sotto la luna, quando avrò lavorato con tutte le sezioni coinvolte.

Il secondo step del progetto prevede l’esplorazione dei quattro elementi attraverso segni e materiali che non entrano spesso nelle scuole. In un mondo di fotocopie da colorare e manufatti da donare a genitori perplessi, non proporrò modelli o soggetti da riprodurre. Solo consistenze da testare, sfumature mai viste, profumi intensi, processi di trasformazione, linee da seguire senza meta. Prevedo un po’ di perplessità e resistenza iniziale e un finale liberatorio, ma vi saprò dire. Ad accompagnarci, dei classici come Lionni e Munari e due libri orientali, uno giapponese e uno coreano.

Terra

15134154_1265780500141041_950586036_o

Acqua

15151079_1265780366807721_1498754792_n

Fuoco

15175497_1265780386807719_1858249399_n

Aria

15174658_1265780176807740_1798486035_n

 

Produrremo tanto materiale, disomogeneo per stile e un poco anche per dimensioni. Una parte interessante del processo sarà nel terzo step l’assemblaggio finale, la logica di ordinamento dei fogli e il rapporto tra parte visiva e testo. Decideremo insieme e dovremo fare i conti con l’idea di perfezione premasticata che ci permea, che pure non coincide spesso né con la bellezza né con l’intelligenza. Sarà interessante ragionarci su.

Come finirà il progetto? Con un libro per ogni bambino, contenente gli haiku della classe e il percorso  individuale di esplorazione visiva/sensoriale. Il tutto accuratamente rilegato con ago e filo, all’orientale, che fa tanto bene al gruppo e al singolo (qui spiego il perché).

Come mai scrivo un post ad un terzo del percorso con la prima classe? Semplice, perché non mi tengo dalla gioia! E dal momento che gioia e scuola non si leggono spesso all’interno di uno stesso testo, ho voluto lasciarne traccia.

***

Se volete informazioni più dettagliate e un preventivo per riproporre il progetto nella vostra scuola, contattatemi via mail: sigerol@tin.it

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Annibale ha detto:

    Che immensità nel haiku del mondo in una goccia…

    1. stimadidanno ha detto:

      Oh guarda, una classe specialissima. Abituata alla poesia (d’altro tipo). Talmente abituati che ho dovuto smorzare i loro toni aulici : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...