Meglio non dire? Nullo die sine linea, Antonio Marras in Triennale

Stacco.
Basta aule, basta bimbi, basta haiku. Ci vuole una mostra: temi adulti, complessità e magari provocazione. La neve del mio amato Morbelli o Marras in Triennale? Oggi scelgo Marras. Mi immagino vestiti, fotografie, forse qualche scultura assemblata, un inevitabile tono autocelebrativo.
Sbagliato.

Attraverso un sipario di giacche nere e sonore

15218441_1269375479781543_2067567087_n

e una barriera bianca profumata di lavanda, dal suono più leggero

15209245_1269374476448310_255523747_n

Ed ecco un grande spazio, una mole di collage, taccuini, libri d’artista, dipinti. Riconosco Maria LaiCarol Rama, conosco Antonio Marras per come ha voluto rivelarsi. Interessante.
15209044_1269366399782451_162606405_n

China e caffè. Ombre. È a questo punto che incomincio a riconoscere me, e questo mi è del tutto inaspettato.

 

15209232_1269366633115761_1532861680_n

Due sono i punti della mostra che mi scuotono fino alla commozione.

L’installazione percorribile che rappresenta la scuola, con la maestra stremata, i fantocci buffi e tragici seduti e debordanti rispetto al banco, i libri di filastrocche che li supportano, le paure disegnate, l’adulto cattivo dietro la lavagna. Ci sono alcune cuffie: ecco una anziana voce femminile che recita una maestra tradizionale, urlante, isterica. È una finzione, i bambini collaborano e ridacchiano, l’alone di angoscia si scioglie nello scherzo.
Però caspita, quegli alunni senza forza mi riportano alla mente il ragazzino cinese dell’altro giorno, che non capisce una parola perché appena arrivato in Italia: mentre i compagni partecipano divertiti al mio laboratorio, appoggia la testa al banco, lo sguardo perso. Un’occasione persa.

15218184_1269372476448510_1465755764_n

E quell’appello martellante e le risposte in coro? Bimbi burattini, la distinzione tra chi fa bella figura e chi no.
Quanto è distante quella scuola arcaica dalla nostra? Quanto è facile scivolare nella mancanza di ascolto? Basta un attimo. Anche un laboratorio espressivo, per fretta o sopravvento dell’ego adulto, può trasformarsi in un’attività routinaria e “imboccata”.
Esco da questo spazio scossa e in allerta.

15218229_1269371353115289_917396484_n15218344_1269368883115536_815111080_n15208072_1269369193115505_470700883_n15182345_1269371946448563_1008270236_o

La seconda installazione che mi fa tremare è composta da incubatrici che proteggono amorevolmente libri d’artista. Sono invitata ad indossare un guanto di lattice, infilare la mando nel buco e sfogliare.
La giovane guida parla, spiega, vuole interagire, mentre io sono completamente paralizzata. Ho compiuto questo gesto nove anni fa, nei primi quattro giorni della vita della mia bambina nata prematura. Quel buco e un biberon sono stati i nostri primi mezzi di comunicazione.

15239168_1269362359782855_271056286_n

Prendo questa immagine e la metto al caldo, da qualche parte dentro di me. Evidentemente ho ancora bisogno di cullarla, sfogliarla e forse scriverla.

15174435_1269364696449288_1305951321_n

A questo punto il filo rosso che sutura e scrive mi consola, in mostra e nei miei progetti dei prossimi mesi…

15208012_1269366036449154_1366206464_n15209124_1269364193116005_100898931_n15211511_1269365769782514_1416547899_n15211508_1269363116449446_2060662660_n15218765_1269364406449317_1641127483_n15239282_1269364976449260_2144330823_n15228053_1269363779782713_1062479758_n

Parole semplici, folgoranti, visionarie. Sono a casa. Riparto dal via (le mie macchie, il mio caffè, il mio lavoro). Grazie, Antonio Marras.

15181589_1264543400264751_6948978142989420207_n

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...