Quando la C A R T O P O E T I C A incontra il Giappone. L’esperienza di Vigonza.

Ieri il castello dei Da Peraga a Vigonza ci ha accolto con un profumo di primavera verde, umida

17352259_1276250335797217_5325624521283891156_n

con una fioritura  giapponese

17362549_1276250329130551_5981684274875801722_n

con colori, sorrisi e delicatezza

17308794_10211020675066591_3690358777009946011_n

Il progetto Desideri Nascosti ha messo in contatto un buon numero di adulti (più un bambino, ospite speciale) con la tonda bambola Daruma – l’oggetto votivo che cade sempre in piedi, ottimista custode dei desideri

17362752_1384006291651794_2333267364511746838_n

17343033_1384005228318567_6384716394801636973_n17353157_1384004824985274_4656484005839179449_n

17353575_10211020680866736_7585306167933669364_n

materiali insoliti

17352181_10211020674306572_2315249738195015015_n

imprevedibilità dei risultati

17353582_10211020673666556_7829022772143215030_n

17362046_1384003541652069_8876044273144852464_n

molta china

17342751_1384005704985186_79112113395739971_n

17342889_1384003868318703_5148294510382882934_n

17352128_1384003941652029_6310199094427383543_n17308908_1384005368318553_6022011815647259063_n17308849_1384006038318486_6335869843139092895_n

17353298_1384004898318600_2586349641666021606_n17352522_1384004461651977_9056526394734367660_n17203227_1384003658318724_3018840008420314696_n

17362776_1384003688318721_1178414390049363986_n

E mentre le mani andavano e scoprivano, qualcuno si accostava agli haiku classici, li trascriveva, provava a comporre, si interrogava sui propri desideri. Prendendosi in giro, anche, facendo il vago, nascondendomeli. Perché sì, stavamo giocando, ma giocare con se stessi è un gioco molto serio.

17264138_1384005784985178_2383214717083641626_n17264969_1384005281651895_7878935694716794383_n17352020_10211020676626630_618187853128234265_n17352143_1384006221651801_8842927517841740316_n

Si è provato a dare un ordine, capendo che spesso è meglio arrendersi al caso

17343031_1384004941651929_1318337299991445229_n

Infine abbiamo racchiuso tutto tra pieghe origami. I desideri vanno riconosciuti, nominati, selezionati, protetti. Poi, se ci andrà, arriverà anche l’impegno per realizzarli.

17352148_1384005808318509_3048169481274825126_n17352137_1384006081651815_5948878135770666483_n17352094_10211020676906637_6132542370259542236_n17362724_10211020674266571_8643420573189211072_n

17308954_10211020678306672_5868777530017866197_n

17308760_10211020676826635_5744065109157862117_n

17155214_1384006331651790_2311567803304293744_n

Tra una china e un timbro, tra una piega del pensiero e una piega della carta, abbiamo gustato lo squisito bento preparato da Yuri Kagawa

17353295_10211020679266696_1092211773801296988_n

L’anima bella e delicata di Sara Canevarolo, che con Patrizia e l’associazione Dire Fare Fantasticare ha ideato la giornata, è tutta lì nella violetta che ha candito per il dessert.

17308905_1384005328318557_5527896306579523604_n

E nel pomeriggio? Merenda per tutti con i Dorayaki di Yuri e poi C A R T O P O E T I C A per bambini (tanti!) con il progetto La parola più importante.

Felicità, Vita, Amicizia, Amore… queste parole non mi hanno sorpreso, sono ricorrenti ad ogni laboratorio. Meno scontate le parole Gesù, Scoobidoo, Sirena. Ma il premio lo darei al bambino di cinque anni che ha scelto ARARE, senza ombra di dubbio.

Ecco una carrellata di immagini di tutti i lavori, con una particolare attenzione agli autoritratti e alla stampa di vere foglie con colori tipografici.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Che dire? Per quanto spontanee possano essere queste fotografie e queste brevi note, non riesco bene a restituire come sia bello lavorare con Sara e Patrizia, incontrare amici che tornano, conoscerne di nuovi, dare un bacino alla bimba piccolissima che ama più di tutti proprio il libro che ho scritto io. Quindi passo e chiudo brevemente, come si fa quando si è un po’ emozionati.

Ma prima, ringrazio tutti i partecipanti e l’Assessorato alla Cultura di Vigonza per avermi accolto per la seconda volta in questi bellissimi spazi ed aver appoggiato questi progetti imprevedibili con entusiasmo. La C A R T O P O E T I C A è un po’ un oggetto misterioso, si capisce facendola e poi (di solito) la si ama. Insomma, a me fa quest’effetto.

Advertisements

2 Comments Add yours

  1. Annibale ha detto:

    Che belle cose
    Che fa la nostra Silvia
    Con (no)i bambini

    1. stimadidanno ha detto:

      Tutti bambini.
      Ce ne dimentichiamo –
      Inquinamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...