Ospiti a casa!

Cartopoetica per famiglie oggi alla Fondazione Pinac.

In questo piccolo villaggio colorato, riusciamo a distinguere le case costruite dagli adulti?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quali parole accogliamo a casa nostra? Il più impetuoso è anche il più coraggioso, risponde rapido: SQUALI e PARENTI. Un bimbo solare ci mette un BOIA, per fortuna il suo sorrisone mi tranquillizza.

Dalle parole all’haiku per gioco è un attimo, con la collaborazione di mamma e papà. Chi aiuta chi? Sillabare è semplicissimo, ce lo dimostra il bimbo che non è ancora andato a scuola. Il ritmo delle parole è dentro di noi.

21

Menzione d’onore per l’haiku tra moglie e marito

13

E per chi ha osato con coraggio le carte macchiate, il premio di trovarsi tre pappagalli posati sul tetto.

1

E il soffietto? Facilissimo!

15

Tra un paio di forbici e una piegatura, abbiamo avuto il tempo per accennare all’haiku giapponese. E grazie a questo strumento pieno di mistero

7

nasce un cielo stellato di lucciole:

2223

Bruno Munari, dalla notte buia, ci sorride e ci perdona.

***

Un grazie speciale a Elena Pasetti per avermi accolto in Fondazione Pinace e a Elena Tognoli per l’assistenza e la documentazione del laboratorio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...