Haiku. Preparando i laboratori con le classi / 2. I fiori sono abituati.

il

Piccola pausa nella personalissima liturgia richiesta dalla preparazione dei materiali (oggi è per alcune classi quarte e sarà un tripudio di giallo e verde).
Nell’inizio di un paragrafo de Il libro dell’estate di Tove Jansson, ritrovo lo sguardo dell’haiku. E non importa, non importa proprio se è prosa, se è un paesaggio diverso: la grande letteratura regge anche i paragoni azzardati.

Prendo nota. La torba ci dice che noi umani siamo piccoli e finiti, mentre un’isoletta di pietra è autosufficiente, lo è in eterno, a cicli regolari può essere perfino magnifica. E ciò che non vediamo, se ne sta tranquillo nelle radici.

Finisco il mio caffè, ricomincio a tagliare cartoncino.

26972193_1698791170173303_2074914801_o26981559_1698791163506637_1243760888_o27017299_1698791190173301_1084473845_o
26994411_1698789506840136_1970161748_n

Annunci