Diario | Roma, Festa della poesia in Bibliofeb

Sono giorni di un affannato fare e disfare di borse con libri e materiali, un continuo spostamento di attenzione tra pubblico adulto e pubblico bambino. Marzo mese della poesia, dicono, sarà questo il motivo della concentrazione di pagine e treni e mani operose?

Mentre accantono, ripongo e seleziono, rifletto sulle infinite strade percorribili. Gli incontri di formazione si aprono e si chiudono con buone domande che dobbiamo sempre tenere accese: Cos’è la poesia? Cos’è per noi? Cosa ci aspettiamo da lei? Quale fruizione? Come la infiliamo nelle nostre attività e nella nostra vita? E ancora. Quali autori? Quale cornice? Quale approccio? Cosa ci piace e ci parla davvero, al di là delle tendenze nei nostri micro-ambienti?

54416015_2366292716756475_855093603125428224_n

Ognuno saprà dare una risposta interessante.
Anche grazie a strutture come l’Associazione Genitori della Scuola Falcone e Borsellino di Roma, che ringrazio per la fiducia, la mia ricerca evolve e si approfondisce, prendendo forma nel lavoro con i bambini.
Ieri mi è stato possibile esplorare in due direzioni.
Con le classi quarte ci siamo mossi nel terreno ambivalente del #nonbadareame. I bambini si sono aperti con grande fiducia per lanciare messaggi semi-nascosti di indipendenza, bisogno di attenzione, necessità di tempo, rivendicazione di rispetto. Un lavoro di scavo, smosso dalla lettura di un albo nuovissimo e qualche testo poetico, che ha prodotto anche immagini misteriose, speculazioni e rime. Il tempo era poco e di forma non abbiamo proprio parlato, ma mi pare che i bambini non abbiano sprecato la loro occasione. I contenuti sono molto interessanti, struggenti come dice Francesca che mi ha fatto compagnia in questa bella giornata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella festa aperta del pomeriggio, invece, abbiamo esplorato la poesia giocosa, le rime, i limerick, i nonsense. Con l’aiuto di un po’ di inchiostro, timbri, nonni, Lonfi, teiere, bambini a lumachina, ciucci e torte sono saltate fuori vere meraviglie.

54257127_2366266403425773_2258775497703948288_n_236626640009244054278293_2366266610092419_4064994955762860032_n_236626660675908654353424_2366265456759201_6519771397688918016_n_236626545342586854398006_2366265723425841_14372781638549504_n_236626571675917554405430_2366265883425825_7686387895145332736_n_236626588009249254434927_2366265356759211_5987068227463675904_n_236626535342587854436191_2366266363425777_130287089894817792_n_236626635675911154458118_2366266696759077_3713433495830265856_n_236626668675907854462685_2366266563425757_6412618397514727424_n_236626656009242454462844_2366266216759125_6435241081184452608_n_236626621342579254522372_2366266000092480_5582454296403771392_n_236626599675914754522742_2366266820092398_7906959720202633216_n_236626681675906554524610_2366266486759098_5562916365620215808_n_236626648342576555491799_2366265616759185_2421740940759662592_n_236626561342585255506895_2366265570092523_6946983647069077504_n_236626556342585755597504_2366265526759194_7857898437629444096_n_2366265520092528

Il tutto mentre anche fuori dalla scuola infuriava pacificamente la poesia.
Già, ieri non c’era proprio verso di scamparla.

55478018_2366263063426107_201182375588134912_n_236626306009277454798736_2366265050092575_3270525632064258048_n_236626504675924254731227_2366264693425944_6945072992212746240_n_236626469009261154524033_2366265213425892_6396232130912845824_n_236626520675922654520959_2366263690092711_1386242489110757376_n_236626368675937854463016_2366265146759232_1098245587381256192_n_236626514342589954436375_2366264866759260_3671163630293876736_n_2366264863425927

 

 

Annunci