Diario | Sillabe, ragni, impeto

Oggi è il turno di una terza impetuosa. La forza è tale che non ho troppo tempo da dedicare a ciascun bambino, verificando il numero di sillabe e aggiustando i componimenti. Ma che importa? Qui c’è urgenza di scrivere, di giocare con le parole, di domare t-rex. Nella foga, escono umorismo e dolcezza, forse persino nuovi…

Diario | La quinta stagione, la lingua madre, le parole a fatica

Mattinata in biblioteca con due classi quarte. C’è chi si è divertito ad indagare la quinta stagione, quella dell’immaginazione più sfrenata e delle piccole grandi paure. C’è chi ha scritto nella lingua madre, facendo affiorare gli affetti più intimi. C’è chi ha voglia di vacanza, di sole, di mare. C’è una bambina di poche parole…

Diario | Party con gli orsi

Oggi una terza rossa di fuori e pacifica dentro. Abbracciano tanto, amano i cartelloni pieni di parole, lavorano bene in gruppo, hanno il mondo in classe. Mi raccontano che nell’intervallo un gruppo sta lavorando a scrivere e disegnare un fumetto. Qui la poesia è solida, squadrata, a forma di palazzo: si cercano certezze. Due ore…

Diario | Campi non regolamentari

La terza di oggi è gialla come il sole e ha sorrisi sdentati. Irresistibile. Il mio alleato speciale si muove per la classe irrequieto, con lui viaggiano occhi nerissimi e pensieri lucidi, veloci. Ogni volta che apre bocca, dice qualcosa di interessante. Se la poesia, oltre ad essere a forma di preside, è (anche) guardare…

Diario |Compiti

Una classe terza variopinta, sparadomande e, da oggi, sparahaiku. Con o senza sinalefe. Chiudiamo gli occhi. Noi felici nella natura. Cosa vediamo? Non esiste l’autunno, esistono le castagne che cadono e si fanno male. Stonc. Ahi. Il mondo visto da qui è allegro, i crapini vivaci vanno dal biondissimo allo scurissimo e ogni bambino è…

Diario | Esperienza

Questa mattina due quarte in una biblioteca. Aperta solo per noi, il personale complice, tanto spazio e luce a disposizione e un progetto intelligente che lega in un circolo virtuoso le scuole del territorio ad un servizio pubblico ben frequentato da varie fasce d’età. Questa è vera promozione alla lettura: luoghi fisici valorizzati, bibliotecari accoglienti,…

Diario | Risucchi

Quando tengo laboratori in classe, apro sempre le danze con una domanda. È bello introdurre gli haiku alla luce di quanto già sanno i bambini. È bello anche, quando li invito a chiudere gli occhi e ad ascoltare, che mi propongano loro stessi di spegnere i neon. Poi con naturalezza si parte. Questa è una…

TuFaiIoFaccio, qualche foto

Ecco qualche immagine del laboratorio di oggi presso la Libreria Tutti giù per terra di Monza. Grazie ai bimbi, ai genitori, ai nonni e a Simona, fantastica padrona di casa! Lo rifacciamo?

Haiku. Preparando i laboratori con le classi / 1. Risguardi.

Giorni di cartoncino, rulli e ipotesi. Queste ultime, tenute sempre un po’ aperte. Come i doppi risguardi di Haiku. Poesie per quattro stagioni, più una che mi piace far notare ai bambini e agli adulti: in apertura, una capriola piena di energia e tutto il calore del rosso; in chiusura, un blu cielo e il volo delle…

Preparando la C A R T O P O E T I C A di gennaio

Se dico inverno penso alla primavera: a quella forza che lavora sotto, piano piano, un’energia che spacca e trasforma e manda avanti tutto. Sono un’inguaribile ottimista, ma comprendo anche chi della stagione fredda patisce la mancanza di luce e contempla solo il plaid. Sto terminando la selezione di testi (qui sopra Mark Strand e Giovanna Zoboli)…

Tu fai Io faccio

Chi ha detto che i piccoli non possono dedicarsi a progetti complessi? Nulla è impossibile se a fianco c’è un adulto che incoraggia e non giudica. Il tema mi è molto caro. Mi accorgo sempre più spesso che giocare con i figli non è un istinto naturale. Non lo trovo strano, anzi mi sembra un limite…

Il mio augurio egoista

Che fate? State rallentando? Io sì, un poco. Che faccio? Enumero. I bambini che ho incontrato, tutti e dalla testa ai piedi, le facce le mani le posture, i nomi strani e la specialissima capacità di vedere oltre; i professionisti con cui ho lavorato, che mi hanno dato fiducia e spesso carta bianca, mettendomi nelle condizioni di superare…

AAVV/6

Ultimo informale incontro del nostro percorso attraverso e con la poesia. Non previsto come un bonus track e non didattico, sempre sul piano dello scambio. Perché, tra le tante definizioni possibili, oggi mettiamo a fuoco questa: Poesia è Relazione. Chiede l’effervescente H.: Ma quindi quello che stiamo facendo ora, questo scambio tra te e noi,…

AAVV/5

Rileggo quanto hanno scritto le lumachine e ripenso a cosa ci ha portato fino a qui. Una camminata metaforica nel primo incontro: un percorso a tappe dove ogni tanto abbiamo fatto “merende di poesia”.  Poi, dopo uno scambio di parole tra me e loro, l’esperienza di sentire il proprio corpo, prima nel movimento e poi da…

AAVV/4

Questa volta ho deciso di non utilizzare le attività grafico-pittoriche per sciogliere i grumi di pensiero. Niente inchiostri, niente cartotecnica per arrivare al testo. In questo percorso siamo corpo e parole e null’altro. E allora, che il corpo sia comodo. Che si muova un poco per riscaldarsi, all’inizio. Che si aggiusti, si distenda, si rotoli….

Quattro stagioni in un giorno, più una. Le immagini.

Ecco un piccolo fotoracconto riguardante l’iniziativa Quattro stagioni in un giorno, più una, organizzata a Vigonza (Padova) nella giornata di ieri dall’Associazione Dire Fare Fantasticare . Ma prima di tutto, un sentito grazie al Comune di Vigonza per averci concesso l’uso di spazi molto belli e per la rinnovata fiducia in questa formula intensa e sempre…

AAVV/3

È preziosa la mezz’ora passata ad esplorare i libri. Dopo essere stati guidati e nutriti con testi scelti, legati da un filo logico; dopo essere stati invitati ad avere reazioni istintive alle piccole provocazioni; prima dell’incontro decisivo, quello in cui il flusso dei pensieri si libera e si organizza secondo nuove logiche, sperimentali e personali….

AAVV/2

La settimana scorsa una classe quarta ed io abbiamo camminato e sostato per ascoltare tanta poesia d’autore. Un percorso a tappe, sempre con diritto di parola. Li ho lasciati lì, sull’orlo di un burlone da ridere, ubriachi di testi belli, anche un po’ difficili, e idee che hanno messo in subbuglio le loro convinzioni. Nessuno…

Saltando nel mondo

il vecchio stagno – la rana salta tonfo nell’acqua Matsuo Bashō   Cosa significa leggere un haiku classico da questo nostro mondo rumoroso e distante? Che senso ha proporre ai bambini una poesia di Bashō, una formula metrica cristallizzata, un gioco linguistico? Si possono comporre haiku in una lingua diversa dal giapponese? Me lo chiedo dai tempi…

AAVV/1

Inizia domani un piccolo percorso attivo sulla parola poetica in due classi quarte della primaria. Non solo haiku, questa volta, ma una selezione di testi scelta con cura e una porta da aprire (forse). Tutto è pronto, anche il materiale: diverso, imperfetto, bello e imprevedibile come sa essere ogni bambino. Per progetti nelle scuole: sigerol@tin.it

Dentro #ioleggoperché2017 (seconda parte)

In qualità di messaggera di #ioleggoperché2017 e cronista, come promesso ecco il racconto dell’evento organizzato per il #contestioleggoperché2017 dalla maestra Anita e dalla libraia Cinzia.  Una classe seconda, rappresentante della scuola Dante di via Mac Mahon (IC Rinnovata Pizzigoni), nei giorni scorsi ha lavorato in classe e in biblioteca sul valore delle parole in relazione…

#BCM17 | Haiku. I sensi, le parole e i colori

18 novembre 2017 ore 11:30 Haiku. I sensi, le parole e i colori (anni 5+) Con Silvia Geroldi e Serena Viola. A cura di Associazione Culturale BA6 L‘haiku è una forma poetica proveniente dal Giappone. Ha attraversato un tempo e uno spazio che ci appaiono molto lontani, eppure è in grado di raggiungere adulti e…